Skip to main content

Cosa c’è dietro la misteriosa ondata di polmoniti pediatriche in Cina?

News Flash

Dicembre 04, 2023


La Cina è alle prese con un aumento delle malattie respiratorie, compresa la polmonite, nei bambini.
Un aumento delle infezioni era atteso nel paese questo inverno, il primo senza le restrizioni COVID-19 in Cina da quando la pandemia è cominciata nel 2020; quello che è atipico, sostengono gli epidemiologi, è l’alta prevalenza di polmoniti.

In una dichiarazione del 23 Novembre, l'OMS ha affermato che le autorità sanitarie cinesi hanno attribuito l'aumento dei ricoveri in ospedale da ottobre a patogeni comuni, come adenovirus, virus influenzale e RSV. Tuttavia, un aumento del numero dei bambini ricoverati in ospedale da maggio, in particolare nelle città del nord del paese come Pechino, è dovuto principalmente a polmoniti da Mycoplasma pneumoniae. Si tratta di un agente causa comune di polmonite atipica, solitamente relativamente lieve e che non richiede ospedalizzazione, ma che quest’anno sta colpendo duramente i bambini.

Secondo Benjamin Cowling, epidemiologo presso l'Università di Hong Kong, si tratterebbe di un “tipico aumento invernale” delle infezioni respiratorie acute verificatosi più precocemente quest'anno forse a causa della maggiore suscettibilità della popolazione alle infezioni respiratorie derivanti da tre anni di misure COVID.

Il rebound delle malattie respiratorie comuni, come l'influenza ed il virus respiratorio sinciziale (RSV), durante il primo inverno dopo l'allentamento delle misure restrittive è stato un modello familiare in altri paesi.

Francois Balloux, biologo computazionale presso l'University College di Londra, in una dichiarazione al UK Science Media Centre ha sostenuto: “i lockdowns su scala nazionale e altre misure attuate per rallentare la diffusione di COVID-19 hanno impedito la circolazione di agenti patogeni stagionali, dando alle persone meno opportunità di costruire l'immunità contro questi microrganismi, un fenomeno noto come debito di immunità. Dal momento che la Cina ha sperimentato un blocco molto più lungo e più duro di qualsiasi altro paese, era previsto che le ondate da “fine lockdown” potessero essere maggiormente rilevanti".

Tuttavia, l'ondata di malattie respiratorie cinese differisce da quella osservata in altri paesi, per la maggiore prevalenza di infezioni da M. pneumoniae.

Anche se la polmonite causata da questo batterio è di solito trattata con antibiotici noti come macrolidi, un eccessivo ricorso a questi farmaci ha portato allo sviluppo di resistenze da parte del patogeno. Uno studio di F. Zhao et al. pubblicato nel 2013 su Antimicrobial Agents and Chemotherapy mostra che i tassi di resistenza di M. pneumoniae ai macrolidi a Pechino sono tra il 70% e il 90%. Secondo Cowling questa resistenza potrebbe contribuire ai livelli elevati di ospedalizzazione da M. pneumoniae di quest'anno, poiché può ostacolare il trattamento e determinare un recupero lento dall’infezione.

Zhao, F. et al. Antimicrob. Agents Chemother. 57, 1521–1523 (2013).
Articolo Nature….

Altre News

Nuove linee guida per il trattamento della TB latente: raccomandazione dal National Tuberculosis Controllers Association e CDC, 2020.

Analisi degli outcomes dell’infezioni da Clostridium difficile e efficacia del trapianto di microbiota fecale in un ospedale pediatrico

Fine stagione influenzale 2018

Una revisione della letteratura sui bambini con COVID-19

Impatto della pandemia COVID-19 sulle vaccinazioni in età pediatrica