Accuratezza di un test point-of-care “Xpert Human Virus Immunodeficiency Test” al parto e fino alla sesta settimana di vita in neonati esposti a virus dell'immunodeficienza umana in Tanzania

I sistemi Point-of-care (PoC) per la diagnosi precoce neonatale e pediatrica (EID) possono accelerare la diagnosi e migliorare la gestione dell’infezione da virus dell'immunodeficienza umana (HIV) in età neonatale/infantile.

Sabi e colleghi hanno valutato l'accuratezza e la fattibilità operativa del test Xpert HIV-1 alla nascita e nelle settimane 1, 2, 3 e 6 postparto in bambini esposti all'HIV presso strutture ostetriche in Tanzania. I risultati del test sono stati poi con le metodiche standard.
Alla settimana 6, 15 (2,5%) su 614 bambini sono stati diagnosticati con HIV; 10 (66,7%) di loro alla nascita (HIV-RNA mediano 4570 copie / ml). Alla nascita, il sistema PoC erano mostravano sensibilità e specificità del 100%. In 2 bambini con HIV confermato alla nascita, tutti i test (sia quelli standard che PoC) erano negativi alla settimana 6, probabilmente a causa della soppressione virale sotto la profilassi con nevirapina.
Gli autori concludono che il sistema PoC Xpert HIV-1 ha mostrato una buona performance per un suo maggiore utilizzo in paesi a basse risorse economiche o con difficile accesso ai centri di riferimento.

Full text: https://academic.oup.com/cid/article/68/4/615/5046856