Il trattamento della febbre in corso di neutropenia da chemioterapia rappresenta una delle principali “sfide” per i programmi di stewardship antimicrobica non solo nel paziente adulto ma anche nella popolazione pediatrica.